Bilancio più che positivo per la VII Conferenza delle Associazioni

IMG 1486

Maggiore formazione, coinvolgimento e unione di intenti: con questa promessa si è conclusa la VII edizione della Conferenza Nazionale delle Associazioni che operano nell’ambito del diabete. Una due giorni - 15 e 16 giugno – a Bologna dedicata al diabete, organizzata come di consueto da Diabete Italia e che ha visto la presenza di ben oltre 111 partecipanti provenienti da tutta Italia: Piemonte, Liguria, Lombardia, Trentino, Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Marche, Abruzzo, Molise, Lazio, Campania, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna. Un dibattito aperto e costruttivo tra associazioni e il comitato di coordinamento di Diabete Italia, per fare il punto della situazione sullo stato dei lavori e sugli obiettivi comuni per il futuro. 

I saluti istituzionali hanno dato il via all’evento che si è tenuto nella conference hall del Novotel Fiera di Bologna. Ricco e vario il programma, che ha alternato momenti di discussione a workshop, restituzione di idee e formazione in vari ambiti.

Dopo una breve presentazione sulla storia, mission e traguardi raggiunti di Diabete Italia, la presidente della onlus Titti Suraci e la vice Rita Stara hanno raccontato ad un pubblico attento i fronti sui quali ci si sta muovendo, dalla cabina di regia del PND alle applicazioni LEA. A seguire un brainstorming diviso in gruppi, per evidenziare criticità a livello locale e proporre possibili soluzioni da adottare a livello nazionale. Momento, questo, che ha portato alla conoscenza e condivisione delle esperienze dei volontari delle varie associazioni presenti, che hanno potuto confrontarsi con i membri del comitato di coordinamento di Diabete Italia e far sentire la propria voce.

Approfondimenti da un punto di vista giuridico e operativo sulla riforma del Terzo Settore sono stati al centro dell’intervento tenuto dal prof. Vincenzo Antonelli, docente di Economia sanitaria presso l’Università Cattolica del sacro Cuore di Roma, che ha riscosso non pochi applausi. La serata si è conclusa con una cena sociale, che è stata l’occasione per conoscersi tra volontari e condividere le proprie storie legate al diabete, sia come genitori di ragazzi con diabete, sia come pazienti stessi ed anche operatori sanitari.

Il frutto del lavoro fatto assieme il giorno prima e le proposte per un futuro più a misura di persona con diabete hanno inaugurato la seconda giornata di conferenza. Tante le urgenze sottolineate dai rappresentanti dei vari gruppi di lavoro: tra le altre una maggior collaborazione tra associazioni che operano sul territorio per un fine comune, la necessità di formarsi anche da un punto di vista burocratico/legislativo/amministrativo, l’esigenza di tutelare e valorizzare la cultura dell’associazionismo, motore che muove e alimenta i tanti successi ottenuti per il bene della persona che soffre di questa patologia.

L’ultima parte della conferenza è stata dedicata alla Giornata Mondiale del Diabete, occasione preziosa per sensibilizzare sulla prevenzione del diabete. Si è provato a ipotizzare come dovrebbe essere la GDM ideale, cosa si può fare per renderla più incisiva e coinvolgente, promuovendo iniziative volte non a celebrare la malattia, piuttosto a far conoscere alla popolazione i sintomi di una sua possibile esistenza e mostrare quante realtà associative presenti sul territorio possono essere d’aiuto, soprattutto agli esordi di questa malattia.

Con la promessa di ritrovarsi già nel 2020, se le condizioni lo permetteranno, e con il ringraziamento a tutte le associazioni – intervenute in rappresentanza delle sigle nazionali di AGD Italia, ANIAD, Diabete Forum e Fand oltre ad AGD Bologna che aderisce alla FDG - da parte dei membri del Comitato di Coordinamento di Diabete Italia, è infine calato il sipario sulla VII Conferenza Nazionale delle Associazioni. Il bagaglio lasciato ai partecipanti? La consapevolezza di essere parte di qualcosa di grande, la ricchezza fatta di approfondimenti ed esperienze altrui e un’agenda fitta di obiettivi per il futuro da raggiungere facendo il più possibile “gioco di squadra”.

 

19/06/2019